street art

STREET ART

Da dove nasce l’interesse per la Street Art?

Dalla curiosità, da una sollecitazione estetica, da una condivisione di fondo, sociale e politica, delle ragioni della sua affermazione.

Perché la Street Art è contemporaneamente protesta e testimonianza e cura, abbellimento di luoghi dimenticati, deteriorati, a volte abbandonati e cadenti. Spesso consente ai cittadini di riappropriarsi della città, del quartiere, del luogo in cui vivono.

Roma: Parco delle energie

Perché è arte pubblica, fruibile da tutti, da chi passa per la strada e da chi vive nelle case i cui muri accolgono i murales. E tutti interagiscono con l’arte.

Londra: Brick Lane

E poi la Street Art è effimera, può essere distrutta in ogni momento da un intervento di decoro pubblico, dalla pioggia e dallo smog o da sovrapposizioni più o meno vandaliche. Fino, all’estremo opposto, a essere “musealizzata”, come è accaduto a Tuttomondo di Keith Haring a Pisa, restaurato e protetto nella parte bassa da un plexiglas.

Keith Haring a Pisa: Tuttomondo

È espressione della cultura metropolitana, ma non solo. I murales in piccoli borghi, spesso sulla via dello spopolamento e dell’abbandono, gli hanno ridato nuova vita, con nuovi progetti che impegnano gli abitanti, attraendo visitatori che vivacizzano i paesi, almeno durante il fine settimana.

Valogno: un piccolo borgo rinasce grazie ai suoi murales

Il nostro interesse ha radici lontane.

Ritroviamo in un album le stampe in bianco e nero di alcune foto scattate ai murales di Tor di Nona (chissà che fine avranno fatto i negativi) che risalgono agli anni ‘70. Oggi, dopo che con il restauro dei palazzi i murales originari erano andati perduti, li abbiamo ritrovati, nuovamente dipinti sulla parete di fronte, sulla base di documentazione fotografica.

A Tor di Nona, nel pieno centro rinascimentale di Roma, negli anni ’70, si incontravano palazzi abbandonati al degrado

E nella nostra visita a Berlino, ormai parecchi anni fa, immortaliamo tratti del Muro, con le immagini iconiche del bacio tra Breznev e Honecker a bordo di una Trabant, leggendaria auto simbolo della Germania Est.

Berlino: il Muro
Berlino: il Muro

A poco a poco, in ogni città che visitiamo, andiamo alla ricerca di muri dipinti, che ne raccontano la vita sotto un particolare punto di vista. In Italia ci lasciamo attrarre dai piccoli borghi “dipinti”. A Roma, la ricerca della Street Art diventa soprattutto l’occasione per conoscere le realtà di quartieri popolari, la loro storia ed evoluzione.

La fotografia, come sempre, diventa lo strumento con cui documentare queste esperienze e mantenerne una traccia nella memoria.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.